I pavimenti

Sottofondi robusti contro i rumori e le fughe di calore

Il DLgs 192/2005 modificato dal DLgs 311/2006, (commi 2 e 3 dell’allegato C) stabilisce che il valore della trasmittanza termica U di strutture opache verticali e strutture opache orizzontali o inclinate (coperture e pavimenti) a ponte termico corretto, delimitanti il volume riscaldato verso l’esterno, ovvero verso ambienti non dotati di impianto di riscaldamento, deve essere inferiore o uguale a quello riportato nella tabella 2.1 e tabelle 3.1 e 3.2 dell’allegato C al decreto stesso, in funzione della fascia climatica di riferimento.

Premesso che le tabelle in questione sono state sostituite da quelle contenute nel recente Decreto Ministeriale 18 marzo 2008 perché erano errate (i valori di coperture e pavimenti erano riportati invertiti), la norma rimarca l’importanza dell’isolamento dei sottofondi (delle coperture parliamo in un altro articolo) ai fini della prestazione energetica dell’edificio.

Una sottolineatura importante, che ben si accompagna al ricorso sempre più diffuso al sistema di riscaldamento a pavimento per i vantaggi che questo comporta in termini di risparmio energetico e comfort abitativo.

Il valore aggiunto di un impianto di questo tipo sarebbe tuttavia annullato se al setto del pannello radiante mancasse un adeguato isolamento o nel caso venissero impiegate soluzioni isolanti insufficienti: il calore emesso dalle serpentine si disperderebbe infatti verso il basso, con il risultato di riscaldare l’appartamento sottostante.

Per evitare questo inconveniente è opportuno che i sottofondi delle partizioni orizzontali siano sempre ben isolati con un materiale ad alte prestazioni.

Le soluzioni di Coverd per i sottofondi si basano sull’impiego di sughero in granuli SugheroLite e di pannelli di sughero biondo naturale SoKoVerd, entrambi in grado di creare uno strato elastico caldo e silenzioso perfettamente efficace contro le fughe di calore ma anche contro i rumori.

Non va dimenticato infatti che l’isolamento dei sottofondi è di primaria importanza ai fini dei requisiti passivi acustici previsti dal DPCM 5.12.97 e che dunque svolge una duplice importante funzione: termica e acustica. Per questo motivo è particolarmente indicato il sughero biondo naturale, in granuli o in pannelli, il materiale che meglio di tutti unisce prestazioni acustiche e termiche.

A seconda delle scelte impiantistiche, il sughero in pannelli può essere collocato sull’estradosso della soletta prima degli impianti stessi o, in alternativa, tra il massetto e la pavimentazione. Una terza soluzione prevede la creazione del sottofondo con l’impasto SugheroLite + vetrificante a presa aerea KoGlass.

Lo spessore dell’impasto varia in funzione delle esigenze e deve comunque arrivare a coprire le tracce degli impianti per evitare la formazione di ponti acustici tra i sormonti e il sovrastante massetto che si andrà a creare prima della pavimentazione.

La scelta della SugheroLite è particolarmente indicata nel caso di riscaldamento a pavimento perché la presenza della caldana SugheroLite + KoGlass permette di eliminare il tradizionale elemento isolante sotto le serpentine, con un risparmio economico e spessori più contenuti.

La prassi di un robusto strato isolante nei sottofondi è sicuramente preferibile a quella dei tappetini fonoisolanti di basso spessore che, spinti da certificati di laboratorio che non rispecchiano le prestazioni in opera, risultano inefficaci a meno di operare su solette massicce, di grande spessore e senza ponti acustici.

Geom. Emilio Capra