Correzione acustica

Comfort acustico e comfort di vita. Due risultati in uno per gli ambienti pubblici

Obiettivo numero uno:
eliminare il riverbero acustico negli edifici.
Il classico «rimbombo» per intenderci, dovuto alle riflessioni multiple e disordinate del suono sulle pareti di un ambiente.

Obiettivo numero due:
fare di un edificio un luogo di vita il più possibile consono alla sua funzione, tenendo conto di tutti gli aspetti che concorrono alla buona fruizione e di conseguenza al miglioramento della qualità di vita degli utilizzatori.
I colori, ad esempio, importanti perché agiscono sulla psicologia delle persone e influenzano il loro benessere.

E ancora, la disposizione dei panneli tinteggiati, che possono formare dei disegni con i quali un ambiente può essere «personalizzato» e reso piacevole, nel senso di «adatto» il più possibile alle persone che lo dovranno frequentare.
Senza dimenticare la qualità dei materiali, che devono essere atossici e rispondenti ai requisiti di sicurezza relativamente alla reazione al fuoco (classe 1), con certificato di omologazione del Ministero dell’Interno.
Comfort acustico, dunque, ma non solo. In un ambiente di vita ottimale i suoni, i colori, i disegni e la qualità dei materiali devono “giocare” insieme.
Oggi la tecnologia e la consulenza di CoVerd offrono ottime soluzioni per affrontare il problema della correzione acustica in qualsiasi tipo di edificio, tenendo conto di tutti gli aspetti correlati che abbiamo evidenziato.

Suoni e rumori
Una breve premessa di carattere generale sull’acustica.
E’ il cosiddetto «campo riverberante», in base alla sua ampiezza, che fa proseguire la percezione di un rumore anche dopo lo “spegnimento” della sorgente che l’ha creato. A causa di ciò le parole e i suoni «positivi» arrivano distorti al nostro udito, mentre aumenta la sensazione di rumore, cioè di quello che le nostre orecchie percepisco come fastidio. Se si prende in considerazione un ambiente frequentato da molte persone, ad esempio una scuola, le conseguenze sono evidenti: alterazione delle comunicazioni, in quantità e qualità e reazioni negative al rumore, come difficoltà di concentrazione, aggressività, irritabilità, agitazione e fatica.

Protezione dal rumore e qualità sonora
La protezione dal rumore negli edifici (dall’esterno verso l’interno e dall’interno verso l’esterno) si coniuga sempre con la qualità sonora.
Questo è vero in qualsiasi tipo di ambiente, ma assume un’importanza particolare nei locali pubblici: mense, chiese, auditorium, teatri, sale cinematografiche…
nei pubblici esercizi: bar, pub, ristoranti, discoteche…
e negli ambienti dove sono necessarie condizioni acustiche eccezionalmente curate: sale di registrazione e/o doppiaggio, studi radiotelevisivi, sale prove, aule per lezioni di musica…
Dalla teoria alla pratica
Per risolvere un problema acustico in un edificio occorre analizzarne la cause, progettare l’intervento nei minimi dettagli e disporre dei materiali giusti per metterlo in pratica. Va da sé che la consulenza di un esperto della materia diventa indispensabile.
Con l’aiuto di CoVerd, specialista dalla progettazione alla realizzazione, si possono raggiungere risultati che vanno addirittura al di là dell’obiettivo.
A lavori finiti l’ambiente “ripulito” dal riverbero non è soltanto più comfortevole dal punto di vista acustico, ma anche più vivibile in termini generali
L’uso appropriato della vasta gamma di colori in cui sono disponibili i pannelli Kontro Co.Verd per controsoffittature consente infatti qualsiasi tipo di personalizzazione, oltre che la possibilità di creare infinite combinazioni di disegni.

Guardare per credere.
Palestra  Comune di Medolago (BG)
Sembra di stare all’aria aperta in questo ambiente dedicato all’attività sportiva dove il controsoffitto richiama il colori del cielo in una giornata serena. Un grosso punto giallo al centro rappresenta il sole, che scalda l’ambiente bilanciando nella giusta misura i toni freddi del contesto.
Ai pannelli della controsoffittatura in sughero Kontro, su struttura di sostegno AlCover, sono stati alternati dei grigliati per salvaguardare i lucernari che portano nella palestra la giusta dose di luce naturale.
Per le pareti è stato utilizzato il pannello di sughero biondo naturale SokoVerd C1 (con omologazione ministeriale di classe 1 per la reazione al fuoco) in due sfumature di colore.
L’aula di musica
Comune di Medolago (BG)
Pannelli Kontro per il controsoffitto e SokoVerd C1 per le pareti. Anche qui l’obiettivo del comfort acustico è stato raggiunto migliorando la qualità generale dell’ambiente, con grande attenzione ai colori. L’azzurro e il giallo, con toni pastello, richiamano ancora il cielo. Entrando nell’aula si prova una sensazione è di grande luminosità. L’azzurro distende e rassicura, il giallo stimola l’attenzione e la concentrazione.

Mensa Comune di Lesmo (MI)
Nell’ambiente destinato alla ristorazione prevale in bianco, che trasmette un’idea di ordine e pulizia dando grande luminosità al locale. In un refettorio, però, ci si deve anche rilassare. Ecco perché la tinta omogenea del controsoffitto Kontro è stata “intarsiata” di elementi in giallo e verde. Del giallo abbiamo già detto che stimola l’attenzione, il verde ne equilibra l’azione, distende e richiama alla natura.

Centro sportivo Verderio Superiore (LC)
Il bar, salone ricreativo
Il perfetto risultato acustico è stato ottenuto con pannelli Kontro per il controsoffitto e contropareti acustiche realizzate con materiale fonoassorbente.
In questo modo il bar è protetto dai rumori esterni ma sopratutto evita di creare fastidio al vicinato, cosa purtroppo frequente nei pubblici esercizi. Giallo e azzurro danno un’aria luminosa e giovanile a un ambiente frequentato molto spesso da anziani. Anche in questo caso si ha l’impressione di essere seduti all’aperto in una bella giornata di sole.

Dott. Marco Raimondi